Underground, Sotterraneo, qualcosa che vive nel sottosuolo, lontano dalla visibilità.

Aggiornato il: ott 10

Di Claudio Fusai


È questo che rappresenta nel campo culturale e artistico la definizione Underground, tutto ciò che si rappresenta fuori dal circuito ordinario, dal riconoscimento ufficioso del linguaggio diffusamente alla moda e commerciale; è qui in questo ambito che si muove tutta la controcultura fin dai primi anni sessanta e sviluppa forme e linguaggi d’avanguardia, soprattutto liberi da canoni imposti dal mercato. Pensate al free jazz, che nei primi anni cinquanta d’America ispirò l’espressione poetica della beat generation di Ginsberg e Kerouac, Ferlinghetti e Burroughs, la ricerca di nuove forme d’espressione e d’esperienza totale di vita e di costume che abbandonano i canoni ufficiosi del comportamento umano, come voluti dal potere politico e culturale, imponendo alle masse degli schemi nei quali muoversi ed essere circoscritti al pensiero unico.


Da queste basi e dall’esperienza decennale di Creativa, riparte la volontà di organizzare un contenitore che rappresenti il concetto di arte totale, in tutte le sue forme e linguaggi. Musica, poesia, performance, Mail Art, carta stampata, pittura, fotografia e artigianato, all’interno del quale ogni partecipante ha libera scelta espressiva, attraverso la quale trasmettere il proprio impegno artistico. Il senso assoluto del progetto è rendere possibile l’incontro fra artisti, lo scambio, il confronto e la divulgazione di una cultura creativa.


La prima edizione prevista per il 13 settembre 2020 è stata annullata causa Covid ed aveva coinvolto già molti artisti e non solo. Si è creata una pagina social dedicata, dove si sono iscritte più di 230 persone e continua a crescere, facendo così che il progetto sia costantemente vivo e attivo.


Adesso stiamo adottando il progetto Frammenti di Underground Art Festival, dove in forma itinerante organizzare piccoli spazi con un numero ristretto di partecipanti, accompagnati sempre dalla mostra di Mail Art di interesse internazionale, curata da Franco Piri Focardi. In questo senso sono già in calendario due date, 11 Ottobre con la sola mostra nell’occasione dell’inaugurazione della Camicia Rossa, quale sede del Laboratorio Politico di Rignano e il 15 Ottobre nel circolo di Troghi con un Frammenti dove alcuni artisti saranno presenti con le proprie azioni.


La locandina del festival "Frammenti di underground"

Claudio Fusai - Cantautore fuori moda


Iscriviti alla nostra newsletter

rimani aggiornato su tutte le pubblicazioni

© 2020 - Partito Democatico Rignano sull'Arno